Emilia Romagna: Guida al turismo e alle vacanze

Domenica 26 Marzo 2017
emilia romagna regione emilia romagna romagnola cartina emilia mappa emilia mare romagna meteo emilia romagna elezioni amministrative riviera romagnola sagre romagna vacanze romagna eventi emilia romagna province emilia romagna sagre emilia romagna sagre in romagna terme emilia terme emilia romagna dialetto romagnolo vacanze in romagna
info Emilia Romagna

Italia - Scoprire l' Emilia Romagna

Italia > Emilia Romagna
Comuni italiani


visita l' Emilia Romagna

ITALIA: Informazioni utili e guida turistica

Regione Emilia Romagna

Sede:
Viale Aldo Moro, 52
40127 Bologna

Telefono: 051 5271
URP: 800 662200
Fax: 051 5275360
Email PEC: urp@postacert.regione.emilia-romagna.it
Sito web: http://www.regione.emilia-romagna.it


Info generali

Nazione: Italia
Capoluogo: Bologna
9 Province
334 Comuni
Superfice: 22.354,46 Kmq
Popolazione: 4.421.582 abitanti
Densità: 197 abitanti per Kmq


... elenco dei Comuni

Per ottenere un elenco di Comuni tramite la lettera iniziale del nome:






Emilia Romagna

L’Emilia-Romagna è una regione dell’Italia settentrionale, con capoluogo Bologna.
Confina a est con il Mar Adriatico, a nord con il Veneto e la Lombardia, a ovest con il Piemonte e la Liguria, a sud con la Toscana, le Marche nonché la Repubblica di San Marino.
Essa è composta dall’unione di due regioni storiche: l’Emilia, che comprende le provincie di Piacenza, Parma, Reggio, Modena, Ferrara e buona parte della provincia di Bologna, con il capoluogo, e la Romagna, con le rimanenti province di Ravenna, Rimini, Forlì - Cesena e la parte orientale della provincia di Bologna (Imola e zone limitrofe).
La Romagna storica comprende peraltro piccoli territori nelle Marche e in Toscana.
Le aree che costituiscono la regione attuale sono popolate fin da tempi remotissimi, come ci indicano vari ritrovamenti: il caso più famoso è quello del sito di Monte Poggiolo, presso Forlì, dove sono stati rinvenuti migliaia di reperti datati a circa 800.000 anni fa, a dimostrazione che la zona era già abitata nel Paleolitico.
L’Emilia-Romagna è una regione prevalentemente pianeggiante, infatti le pianure occupano il 47,8% del suo territorio.
Le colline, il 27,1% del territorio, e le montagne, il 25,1% del terriorio, si trovano nel meridione della regione.
In Emilia Romagna l’economia è molto sviluppata.
Le tipiche industrie sono a conduzione famigliare di piccola e media impresa, non esistono grandi gruppi internazionali a parte quelli alimentari e automobilistici.
Inoltre sono molto diffuse le cooperative, soprattutto nella zona di Reggio Emilia e Modena.
L’industria è presente in tutti e tre i settori.
Nel primario la regione può contare su un forte sviluppo su tutta la Pianura Padana e in Romagna.
Sono molti i prodotti DOP e IGP coltivati in regione.
Il settore secondario è senza dubbio quello più sviluppato: nelle aree che vanno da Bologna a Reggio Emilia c’è un altissimo tasso di industrie meccaniche, ceramiche e tessili (sono note in tutto il mondo le autovetture prodotte nel modenese) quali Ducati, Ferrari, Lamborghini e Maserati.
Nel parmense è molto sviluppata l’industria alimentare (Parma è stata scelta come sede della istituzione europea nel controllo del settore, l’EFSA).
Nel ravennate è molto sviluppata l’industria chimica ed è presente il più grande porto del Mar Adriatico.
Il settore terziario è anch’esso sviluppato; la riviera romagnola è centro d’attrazione turistica sia d’estate per la ricca ed organizzatissima ricettività (più di 5000 alberghi) che negli altri periodi dell’anno per i numerosi locali d’intrattenimento giovanile; si stima che durante un anno sono circa 10 milioni i turisti che la popolano; italiani e moltissimi stranieri soprattutto dalla Germania e dall’Olanda.
Discreto anche il turismo invernale sulle località sciistiche dell’Appennino, fra cui ricordiamo Sestola e le altre località alle pendici del Monte Cimone, e il Corno alle Scale, nel bolognese.
Molto sviluppato il turismo artistico nelle città d’arte specialmente di provenienza estera.
Per quanto riguarda il settore dei servizi, la regione è il nodo commerciale più importante del paese, Bologna è nodo ferroviario di primaria importanza nel Nord, la sua stazione merci è la più grande d’Italia come volume di traffico.
In Emilia poi confluiscono praticamente tutte le maggiori autostrade del paese.