Coppa Piacentina DOP

Mercoledì 23 Maggio 2018
Guida Turistica Italia
info Italia
Prodotti Tipici Italiani
Comuni italiani

Coppa Piacentina DOP

Prodotto Tipico Italiano

Photo Gallery (1)




“COPPA PIACENTINA DOP”

Italia
Prodotti Tipici
Carni trasformate

La denominazione d'origine protetta “Coppa Piacentina” è riservata al prodotto di salumeria che risponde alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel presente disciplinare di produzione.

Gli allevamenti dei suini destinati alla produzione della “Coppa Piacentina” debbono essere situati nel territorio delle regioni Lombardia ed Emilia-Romagna.
I suini nati, allevati e macellati nelle suddette regioni debbono essere conformi alle prescrizioni già stabilite a livello nazionale per la materia prima dei prosciutti a denominazione d'origine di Parma, e San Daniele.
Gli allevamenti devono infatti attenersi alle citate prescrizioni per quanto concerne razze, alimentazione e metodologia di allevamento.
I suini debbono essere di peso di 160 kg, più o meno 10%, di età non inferiore ai nove mesi, aventi le caratteristiche proprie del suino pesante italiano.
La zona di elaborazione della “Coppa Piacentina” comprende l'intero territorio della provincia di Piacenza.

La “Coppa Piacentina” è ricavata dai muscoli cervicali perfettamente dissanguati della regione superiore dei suini.
Il processo di elaborazione inizia con la salagione a secco che consiste nel mettere a contatto le carni, con la seguente miscela di sali ed aromi naturali:
dosi per 100 kg di carne fresca
- cloruro di sodio min. 1,5 kg - max 3,5 kg;
- nitrato di sodio e/o potassio max gr 15;
- pepe nero e/o bianco intero e/o spezzato min. 15 gr max 30 gr.
Spezie composte:
- cannella max 15 gr;
- chiodi di garofano max 25 gr;
- alloro max 10 gr;
- noce moscata max 10 gr.
È vietata la salagione in salamoia.

Le coppe sono salate e massaggiate, quindi sostano in frigorifero per almeno sette giorni, e successivamente sono rivestite con diaframma parietale suino.
Infine si procede alla tradizionale legatura con spago ed alla foratura dell'involucro.
La successiva fase di asciugamento avviene in appositi essiccatoi, con condizioni climatiche controllate con temperatura oscillante tra 15°C e 25°C, una umidità del 40-90%, in ambiente ventilato, per un periodo minimo di sette giorni e, comunque, fino alla comparsa della caratteristica “fioritura” che determina il viraggio al tipico colore rosato.
La stagionatura delle coppe avviene in ambienti aventi una temperatura compresa tra 10 e 20 °C ed una umidità relativa tra il 70 e il 90%.
Durante la stagionatura è consentita la ventilazione, l'esposizione alla luce ed alla umidità naturale, tenuto conto dei fattori climatici presenti nelle valli piacentine.
La stagionatura si protrae per un periodo minimo di sei mesi dalla data della avvenuta salatura.
L'intera fase di stagionatura può comprendere anche determinati periodi in locali seminterrati (cantine) purché controllati.
Durante il processo di stagionatura la carica microbica della “Coppa” viene naturalmente limitata per il naturale effetto della lenta maturazione.

La “Coppa Piacentina”, all'atto dell'immissione al consumo, presenta le seguenti caratteristiche organolettiche e chimico-fisiche:
Caratteristiche organolettiche
• Aspetto esterno: forma cilindrica, leggermente più sottile all'estremità ottenuta con rifilatura ed asportazione del grasso e di qualche sottile pezzo di carne.
• Peso: non inferiore a kg 1,5.
• Consistenza: compatta, non elastica.
• Aspetto al taglio: la fetta si presenta compatta ed omogenea, di colore rosso inframmezzato di bianco rosato delle parti marezzate.
• Odore: profumo dolce e caratteristico.
• Sapore: gusto dolce e delicato che si affina con il procedere della maturazione.

La “Coppa Piacentina” può essere commercializzata sfusa ovvero confezionata sotto vuoto o in atmosfera modificata, intera, in tranci od affettata.

La designazione della “Coppa Piacentina” deve essere indicata in caratteri chiari e indelebili, nettamente distinguibili da ogni altra scritta, che compare in etichetta ed essere immediatamente seguita dalla menzione “Denominazione di origine protetta”.
Tali indicazioni possono essere abbinate al logo della denominazione.
È vietata l'aggiunta di qualsiasi qualificazione non espressamente prevista.
È tuttavia consentito l'utilizzo di indicazioni che facciano riferimento a nomi o ragioni sociali o marchi privati purché non abbiano significato laudativo o tali da trarre in inganno l'acquirente, nonché l'eventuale nome di aziende suinicole dai cui allevamenti il prodotto deriva.


Il testo in italiano è tratto da:
Disciplinare di produzione - Coppa Piacentina

Photo by: Iceman0407



Aggiorna descrizione Coppa Piacentina DOP
Aggiorna foto Coppa Piacentina DOP

Conosci questo prodotto?
Contribuisci anche tu al completamento di questa pagina!
Per pubblicare i dati aggiornati, la descrizione e le immagini di “Coppa Piacentina DOP”, utilizza l'apposita procedura gratuita che abbiamo creato a questo scopo.


Carni trasformate

Alcuni risultati in questa Categoria:

Prosciutto di Carpegna DOP
Salsiccia di Calabria DOP
Speck dell'Alto Adige, Sudtiroler Speck IGP
Spressa delle Giudicarie DOP
Salame Felino IGP
Coppa Piacentina DOP
Lardo di Colonnata IGP
Valle d'Aosta Jambon de Bosses DOP
Prosciutto Veneto Berico-Euganeo DOP
Bresaola della Valtellina IGP
Salame Cremona IGP
Prosciutto di Modena DOP
Prosciutto Toscano DOP
Prosciutto di Norcia IGP
Culatello di Zibello DOP