Visitare Anagni - Info Lazio

Martedì 28 Marzo 2017
Anagni Lazio amministrazione hotel notizie abitanti ristorante codice catastale A269 Provincia di Frosinone agriturismo concorsi pubblici luoghi da visitare albergo ufficio tecnico codice comune elezioni comunali Anagni cosa vedere anagrafe codice ISTAT 060006 ufficio tributi
info Lazio
Comuni italiani


Comune di Anagni FR

Regione: Lazio - Italia

Luoghi da visitare Anagni
Chiese ed altri edifici religiosi Anagni
Musei, Gallerie e Mostre Anagni
Eventi gastronomici e folkloristici Anagni
Centri Benessere, Massaggi e Relax - Wellness Hotel Anagni
Accommodations Anagni
Dove mangiare Anagni
Camping e Aree Attrezzate per Camper Anagni
Affittacamere Anagni
Turismo Rurale Anagni
B&B Anagni
Ostelli Anagni
Residence Anagni
Pizzerie Anagni
Terme Anagni


Partita IVA: 00104250600
C.A.P.: 03012
Codice Istat: 060006
Codice Catastale: A269
Numero Abitanti: 21.676
Altitudine s.l.m.: 424 mt.
Superfice Kmq.: 113,80
Denominazione abitanti: anagnini



Anagni

Provincia di Frosinone


Uffici comunali / Municipio

Indirizzo: Via Vittorio Emanuele, 187
Telefono: 0775 7301
Fax: 0775 730433

Comune di Anagni

Sito istituzionale- Sindaco di Anagni e amministrazione comunale
- Ufficio anagrafe - Ufficio Tecnico - Catasto IMU TASI
- Giunta comunale - Dati elezioni amministrative


Comune di Anagni (Provincia di Frosinone, Regione Lazio)

Anagni è un comune parzialmente montano di 21.676 abitanti, situato a 424 metri s.l.m. nella Provincia di Frosinone, il suo territorio si estende su una superfice di 113,80 kmq.

La città santa degli Ernici, fondata circa 3.000 anni or sono dalle popolazioni pelasgiche provenienti dall'Asia Minore e dalla Grecia, è posta su uno sperone dei Monti Ernici a 424 metri di altitudine.
Fu definita dallo storico tedesco Gregorovius “una delle più belle terrazze d'Europa”.
Anagni fu alla guida di una federazione di città, fra le quali Ferentino, Alatri, Veroli, che, in alleanza con le altre popolazioni limitrofe, i Volsci e gli Equi, tentò di arginare, senza riuscirci (306 a.C), l'espansionismo della nascente potenza di Roma..
La sua felice posizione geografica determinò nel corso dei secoli la sua rinascita come centro culturale, religioso, politico.
Cicerone, Marco Aurelio, Commodo, Caracalla, Lucio Settimio Severo, i grandi dell'antica Roma, la scelsero come loro residenza.
Ad Anagni vennero emanate Bolle papali, vennero strette alleanze decisive per le sorti della potenza della Chiesa, vennero lanciate tremende scomuniche contro i potenti dell'epoca, come Federico Barbarossa.
Il titolo città dei Papi le deriva dall'aver dato i natali a ben quattro pontefici: Innocenzo III°, Gregorio IX°, Alessandro IV°, Bonifacio VIII°.
La Cattedrale di Anagni è uno dei più bei complessi architettonici medievali d'Italia; venne iniziata nel 1072 e portata a termine nel 1104., nello stile romanico-lombardo, ma con molti elementi in stile gotico antico e bizantino.
L'interno è a tre navate, sorrette da otto pilastri e quattro colonne, e qui i maestri Cosmati ed il Vassalletto hanno lasciato i loro capolavori: il bellissimo pavimento del maestro Cosma, la sedia episcopale, il candelabro tortile.
A metà navata laterale si aprono due cancelli di ingresso alla Cripta, definita la Cappella Sistina del Medio Evo dove si può ammirare uno dei documenti pittorici più importanti fra quelli esistenti in Italia, risalente a ben 60 anni prima dei grandi cicli di affreschi del Giotto nelle Chiese di Assisi e di Padova..
Le storie pittoriche rappresentate sulle pareti e sulle volte comprendono tutto lo scibile della filosofia e della cultura medievale.
Il Palazzo di Bonifacio VIII°, vicinissimo alla Cattedrale, risale al secolo XI° ed è stato teatro di importanti avvenimenti: nel 1230 Gregorio IX° vi ospitò Federico II° di Svevia, re di Napoli e di Sicilia e imperatore del Sacro Romano Impero, per suggellare la pace di San Germano che poneva fine all'aspra lotta tra il potere della Chiesa e quello dell'Impero; nel 1303 gli emissari del re di Francia Filippo il Bello, Guglielmo Nogaret e Sciarra Colonna, penetrarono nel palazzo dove risiedeva il Papa e in una delle sale avvenne il famoso affronto dello schiaffo al pontefice.
Il Palazzo Comunale, costruito negli anni 1160-1163 su progetto dell'architetto Jacopo da Iseo, viene considerato un vero gioiello dell'arte civile medievale; venne realizzato con un'idea molto originale, con una ardita fuga di grandi arcate a tutto sesto sulle quali poggia la struttura della grande sala della ragione, illuminata da una serie di finestre a bifora e trifora.
Altri pregevoli monumenti da visitare sono la Casa Barnekow, magnifico esempio di architettura duecentesca, le Chiese di Sant'Andrea, di San Pietro in Vineis, dell'Annunziata ed i resti delle antiche fortificazioni romane di epoca repubblicana, le Mura Serviane o Arcazzi Romani.
La località ospita ormai da anni il Festival Musicale Internazionale Ernico Simbruino, che tocca anche altri importanti centri della Provincia, con l'esibizione di artisti ed orchestre di fama internazionale, ed il Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale.

Il testo in italiano è a cura di:
- Azienda di Promozione Turistica della Provincia di Frosinone


Aggiorna descrizione Anagni
Aggiorna foto Anagni

Vuoi contribuire al completamento di questa pagina dedicata alla città di Anagni?
Inviaci una tua descrizione del luogo, dei suoi monumenti, delle sue chiese, i tuoi commenti di viaggio o le tue fotografie relative a Anagni (Frosinone) o altra località e città del Lazio.


per il tuo soggiorno a Anagni

Arte, cultura, tradizioni, ... alcune opzioni


Coordinate geografiche di Anagni (Lazio)

Latitudine: 41.74240 - Longitudine: 13.15754 | Coordinate GPS: 41°44'32.64" N - 13°09'27.14" E


Giro turistico nei dintorni



Il Comune di Anagni fa parte di:

Comunità Montana Zona XII Monti Ernici


da visitare:
frazioni e località del Comune di Anagni

Ara la Stella, Osteria della Fontana, San Filippo, Tufano/Vallevona, San Bartolomeo, Faito, Vignola-Monti, Pantanello, Cucugnano, Collacciano


Anagni, i Comuni confinanti

Lazio - le Province

Province in cui è attualmente suddiviso il territorio.