Visitare Ales - Info Sardegna

Venerdì 24 Marzo 2017
Ales Sardegna amministrazione Comune di Ales Gramsci turismo Sardegna amministrazione ASL paese natale di Antonio Gramsci Zeppara Diocesi di Ales cattedrale acquafrida monte Arci ristorante codice catastale A180 Provincia di Oristano feste e sagre Sardegna agriturismo concorsi pubblici luoghi da visitare ufficio tecnico codice comune elezioni comunali Ales cosa vedere anagrafe codice ISTAT 095004 aliquota IMU codice comune affitti Ales -hotel ristorante codice catastale A180 Provincia di Oristano feste e sagre Sardegna agriturismo concorsi pubblici luoghi da visitare albergo ufficio tecnico codice comune elezioni comunali Ales cosa vedere anagrafe codice ISTAT 095004 aliquota IMU bed and breakfast codice comune affitti Ales
info Sardegna
Comuni italiani


Comune di Ales OR

Regione: Sardegna - Italia

Luoghi da visitare Ales
Chiese ed altri edifici religiosi Ales
Musei, Gallerie e Mostre Ales
Eventi gastronomici e folkloristici Ales
Centri Benessere, Massaggi e Relax - Wellness Hotel Ales
Accommodations Ales
Dove mangiare Ales
Camping e Aree Attrezzate per Camper Ales
Affittacamere Ales
Turismo Rurale Ales
B&B Ales
Ostelli Ales
Residence Ales
Pizzerie Ales
Terme Ales


Codice Fiscale: 00072510951
C.A.P.: 09091
Codice Istat: 095004
Codice Catastale: A180
Numero Abitanti: 1.512
Altitudine s.l.m.: 194 mt.
Superfice Kmq.: 21,70
Denominazione abitanti: aleresi



Ales

Nome in lingua locale: Abas

Provincia di Oristano


Uffici comunali / Municipio

Indirizzo: Corso Cattedrale, 53
Telefono: 0783 91131
Fax: 0783 911336

Comune di Ales

Sito istituzionale- Sindaco di Ales e amministrazione comunale
- Ufficio anagrafe - Ufficio Tecnico - Catasto IMU TASI
- Giunta comunale - Dati elezioni amministrative


Comune di Ales (Provincia di Oristano, Regione Sardegna)

Ales è un comune totalmente montano di 1.512 abitanti, situato a 194 metri s.l.m. nella Provincia di Oristano, il suo territorio si estende su una superfice di 21,70 kmq.

Ales è un comune della provincia di Oristano in Sardegna, nella regione storica della Marmilla.

Piccolo centro della Sardegna centrale, situato nelle falde orientali del monte Arci (812 m.), massiccio vulcanico formatosi nell'era cenozoica e spentosi nel pleistocene (neozoico).
Dalla montagna, con le sue risorse (sorgenti e conseguenti rii, il bosco secolare di lecci di Aquafrida, l'ambiente naturale costituito da una variegata macchia mediterranea; la stessa ossidiana, un tempo vero e proprio oro nero) ha origine la villa di Ales.
Queste risorse non sono esclusivamente economiche, ma vere bellezze naturali, oggi inserite nel parco regionale del Monte Arci.

Sede Vescovile con decreto di Giulio II dell'8 dicembre 1503 che unificava tra esse le diocesi di Usellus e Terralba (primo vescovo di Ales fu Giovanni Sanna, nominato il 18/01/1507, alla morte dei Vescovi delle due Diocesi precedenti).
È probabilmente la più piccola sede Vescovile d'Italia con una Cattedrale costruita per volere della Contessa di Quirra Violante Carroç che nel proprio testamento, oltre alla cospicua somma di 5.000 lire, diede ampie indicazioni sulle modalità costruttive e, soprattutto, ordinò di attingere alle altre sue rendite affinché l'opera venisse completata.
Ciò che spinse la contessa a questa impresa pare non sia stata soltanto la volontà di dare il giusto prestigio ai suoi possedimenti, ma il tentativo di riparare alla colpa da lei commessa nell'ordinare l'esecuzione del cappellano di Bonorsoli Giovanni Castangia, la cui unica colpa fu quella di non ricambiare alle morbose attenzioni che gli rivolgeva la Contessa.
Per questo gesto la Violante fu dapprima incarcerata e privata di tutti i suoi beni per essere poi assolta dal sovrano Ferdinando II.

La Cattedrale venne distrutta da un incendio alla fine del XVI secolo, la matrice esistente oggi, in stile Barocco, risale ai tempi di Monsignor Didaco Cugia, vescovo alerese dal 10 aprile 1648; fonti non confermate affermano che già la prima cattedrale di San Pietro venne costruita sulle rovine di un antico tempio sacro del quale si ignorano le origini.
Le leggende locali narrano di un tunnel che collegherebbe il Castello Aragonese dei Carroz con i sotterranei della Cattedrale, custoditi dalla famigerata “musca maceda”, enorme insetto posto a guardia dei tesori tuttora celati nelle viscere del colle di Barumele.

Il paese di Ales è ricco di leggende sul castello, sulla cattedrale, e sull'area archeologica di Prabanta, un fascino particolare riveste la teoria del filologo francese Xavier Guichard, che nel suo Eleusis Alesia (1936), sulle origini delle denominazioni di antiche località europee, concluse che tutti i nomi di luogo derivano da tre radici basilari: “Burgus, Antium e Alesia”; quest'ultimo aveva la particolarità di non essere mai stato assegnato a un abitato fondato in epoca storica.
Nella forma greca “Eleusi” risaliva a tempi pre-omerici; nella radice indo-europea “Ales, Alis o Alles”, significava punto d'incontro.
Esaminando tutte le aree individuate, Guichard giunse alla conclusione che tutte le località che possedevano questa radice avevano le stesse caratteristiche morfologiche: basse colline con alla base un fiume e sorgenti d'acqua minerale, erano dunque dei siti scelti in base a particolari emanazioni di forza, e, cosa piuttosto particolare, tutti questi centri sono collegati tra loro da vere e proprie linee geodetiche.

Nel territorio montano troviamo i primi segni di presenza dell'uomo (4000 a.C.) nella necropoli prenuragica di Gemitoriu.
Diverse sono le testimonianze della civiltà nuragica (tra cui i nuraghi complessi di Gergui e Otzili), come pure del periodo romano, quando, in epoca non precisata, inizia la storia della nuova Ales, legata alla distruzione della antica colonia romana di Uselis.
Ales divenne così sede della diocesi omonima, tuttora esistente, le cui prime attestazioni documentarie risalgono al XII secolo.
Al vescovado è legata tutta la successiva storia del paese e anche l'economia, non più agricolo-pastorale, ma basata prevalentemente sul terziario.

Situato ai piedi del Monte Arci su una depressione naturale attraversata da un fiume (ora incanalato), Ales ha sempre rivestito un ruolo determinante nell'economia della Marmilla ospitando scuole, sedi di importanti enti pubblici e privati, di forza pubblica e uffici vari.

Il paese è noto a livello internazionale soprattutto per aver dato i natali ad Antonio Gramsci (1891), politico, filosofo e giornalista italiano, fu tra i fondatori del Partito Comunista Italiano.
A lui è dedicata una piazza in cui sorge il Piano d'uso collettivo, monumento di Jo Pomodoro.

Tra i monumenti da visitare, dunque, la Cattedrale barocca dei ss. Pietro e Paolo del 1686 che possiede un importante tesoro, la antica parrocchiale di Santa Maria, attestata già nel 1535; la chiesa di San Sebastiano del 1663 e di recente restauro, e l'Oratorio della B.V. del Rosario (1721).
Da non dimenticare la frazione di Zeppara, la sua antica chiesa, le sue tipiche case a corte.


Aggiorna descrizione Ales
Aggiorna foto Ales

Vuoi contribuire al completamento di questa pagina dedicata alla località di Ales?
Inviaci una tua descrizione del luogo, dei suoi monumenti, delle sue chiese, i tuoi commenti di viaggio o le tue fotografie relative a Ales (Oristano) o altra località e città della Sardegna.


per il tuo soggiorno a Ales

Arte, cultura, tradizioni, ... alcune opzioni


Coordinate geografiche di Ales (Sardegna)

Latitudine: 39.76885 - Longitudine: 8.815771 | Coordinate GPS: 39°46'7.86" N - 08°48'56.78" E


Giro turistico nei dintorni



Il Comune di Ales fa parte di:

Comunità Montana dell'Alta Marmilla

frazioni e località del Comune di Ales

da visitare:


... altre località

(Vedere anche: Parco Naturale Regionale del Monte Arci)


Ales, i Comuni confinanti

Sardegna - le Province

Province in cui è attualmente suddiviso il territorio.