Ricetta: Liquore di Mirto - Sardegna

Domenica 30 Aprile 2017
Ricetta Liquore di Mirto Liquori Sardegna Ricetta di cucina sarda Liquore di Mirto cucina tradizionale italiana cucina regionale piatto tipico Sardegna ricette sarde
info Sardegna

Sardegna - Ricetta di cucina tradizionale

Sardegna > Liquori
Comuni italiani


Liquore di Mirto

Sardegna - Ricetta di cucina della tradizione regionale

Ricetta “LIQUORE DI MIRTO”

Ingredienti:

  • 300 g di bacche di mirto
  • 300 g di alcool per alimenti
  • 250 g di acqua
  • 250 g di zucchero

Preparazione:
Lo schema della preparazione casalinga prevede, in sequenza, l'infusione alcolica delle bacche mature per macerazione in alcool a 95, il recupero dell'estratto alcolico, tramite sgrondatura ed eventuale torchiatura, l'aggiunta a freddo di sciroppo di zucchero o zucchero e miele, l'imbottigliamento, e infine, la maturazione.
Esistono diverse ricette per la preparazione del liquore di Mirto, pertanto quella che segue è la descrizione di una delle possibili varianti.
Le bacche appena raccolte vanno lavate accuratamente in modo da rimuovere la polvere e altre impurità.
La presenza di foglie non è un fatto negativo, anzi, conferisce proprietà aromatiche in virtù dei principi attivi volatili contenuti nelle foglie.
Dopo il lavaggio si lasciano appassire le bacche di Mirto per qualche giorno lasciandole stese in uno strato sottile al riparo dalla polvere.
A questo punto si trasferiscono le bacche in contenitori di vetro scuro che andranno colmati con alcool etilico a 95.
La quantità di alcool da impiegare è importante: l'alcool deve appena sommergere completamente le bacche perché una quantità eccessiva fornirebbe un estratto povero di componenti.
I contenitori si lasciano esposti alla luce per alcuni giorni, dopo di che vanno riposti in un luogo chiuso per tutto il periodo della macerazione, che deve durare complessivamente circa 40 giorni.
Al termine della macerazione si recupera l'estratto facendo sgrondare le bacche.
Con un piccolo torchio si può recuperare un ulteriore quantitativo di estratto per aumentare la resa, tuttavia se si forza eccessivamente la torchiatura si ottiene un liquore con spiccate proprietà tanniche, pertanto si deve scegliere un congruo compromesso fra resa e qualità.
L'estratto va filtrato impiegando filtri in carta assorbente.
Nel frattempo si prepara uno sciroppo, sciogliendo a caldo lo zucchero in una quantità adeguata di acqua.
Si tratta della fase più delicata perché un piccolo errore può ripercuotersi in modo marcato sulle qualità organolettiche del prodotto finale.
Il grado di densità dello sciroppo dipende dalla gradazione alcolica e dal grado di dolcificazione desiderati.
Le ricette propongono in genere quantitativi medi in peso composti da 300 g di bacche, 300 g di alcool e uno sciroppo ottenuto sciogliendo 250 g di zucchero in 250 g d'acqua, tuttavia è più razionale operare in termini volumetrici facendo un saggio preliminare su un piccolo quantitativo: si prepara uno sciroppo con rapporto acqua e zucchero di 1:1 e si aggiunge a freddo all'estratto alcolico.
I rapporti volumetrici fra sciroppo e alcool sono orientativamente i seguenti:
per ottenere una gradazione alcolica del 30%: 65 ml di sciroppo aggiunti a 35 ml di estratto; per ottenere una gradazione alcolica del 34%: 60 ml di sciroppo aggiunti a 40 ml di estratto.
Queste indicazioni hanno solo valore orientativo perché per valutarle con esattezza sarebbe necessario determinare la gradazione di partenza dell'estratto alcolico.
In ogni modo, una volta effettuato il saggio preliminare si valuta l'opportunità di preparare uno sciroppo più concentrato, se si desidera un liquore più dolce, oppure più diluito se si desidera un liquore più "amaro".
Nella valutazione si deve prevedere che il processo di maturazione accentua il sapore dolce perché si attenua l'effetto astringente dei tannini.
In ogni modo si tratta di valutazioni soggettive legate molto all'esperienza.
Una volta preparato, il liquore si travasa nelle bottiglie.
Per l'imbottigliamento si utilizza in genere la classica bottiglia bordolese da 75 cl oppure la bottiglia lirica da 50 cl, preferibilmente in vetro scuro.
Prima di consumare il liquore è consigliabile una conservazione di almeno 1 o 2 mesi per ottenere la maturazione.
Durante la conservazione potrebbe essere opportuno effettuare un travaso o una seconda filtrazione per eliminare i sedimenti, ma spesso questa operazione non è necessaria.
È del tutto inutile, invece, cercare di eliminare l'eventuale formazione di sospensioni fioccose dai riflessi chiari: si tratta di un fenomeno fisico-chimico che non può essere rimosso con la semplice filtrazione.


Aggiorna foto Liquore di Mirto

Conosci questa ricetta?
Contribuisci anche tu al completamento di questa pagina!
Per pubblicare le immagini di “Liquore di Mirto”, utilizza l'apposita procedura gratuita che abbiamo creato a questo scopo.


»» Sardegna: Liquori

Altro in questa Categoria:



Ricette di cucina sarda

Selezionare una categoria per ottenere una lista limitata a Ricette di cucina corrispondenti.