Produzione Vinicola Italiana

Lunedì 27 Febbraio 2017
Vini italiani Italia vendita vino Italia vendita diretta vini italiani vino on line strada dei vini e dei sapori Italia
info Italia
Comuni italiani


Italia

» Vini Italiani di Qualità o V.Q.P.R.D.


V.Q.P.R.D.

È l'abbreviazione di Vino di Qualità Prodotto in Regione Determinata — espressione con la quale si certifica che il vino che si fregia di questa denominazione di qualità è frutto della raccolta e lavorazione di uve prodotte in un ambito territoriale definito, in termini geografici, dal disciplinare dello stesso vino.
L'attestazione VQPRD, nell'ambito della quale rientrano i vini a DOC e DOCG, offre almeno due importanti garanzie: la certezza della buona qualità e l'origine da un territorio predeterminato.

I Vini D.O.C.

È l'acronimo di Denominazione di Origine Controllata: il disciplinare di riconoscimento di vini DOC prevede: l'esatta delimitazione geografica della zona di origine della raccolta delle uve per la produzione del vino; i vitigni; la tipologia del terreno di coltivazione dell'uva; la resa dell'uva in vino (per evitare un eccessivo sfruttamento della vite); le tecnologie di produzione e di invecchiamento; le caratteristiche del prodotto finito (acidità, estratto secco, gradazione alcolica minima, peculiarità organolettiche) le eventuali qualificazioni del vino al momento della commercializzazione.
Alcuni vini DOC possono riportare in etichetta anche indicazioni aggiuntive quali:
- Classico per i vini prodotti nella zona di più antica tradizione (nell'ambito del territorio delimitato dal disciplinare);
- Riserva per alcuni vini sottoposti ad un invecchiamento più lungo del normale;
- Superiore per vini con caratteristiche migliori (grazie al buon andamento climatico dell'annata che ha permesso di raggiungere una concentrazione zuccherina più alta e quindi una maggiore gradazione alcolica).

I Vini D.O.C.G.

È l'acronimo di Denominazione di Origine Controllata e Garantita e si attribuisce a quei vini aventi il riconoscimento DOC che, oltre ad avere speciali pregi organolettici, abbiano acquisito una particolare fama.
Il disciplinare per i vini DOCG
La DOCG è la massima qualificazione prevista e, oltre a rispettare tutti i parametri stabiliti dal disciplinare per i DOC, i vini DOCG sono sottoposti ad un secondo esame da parte di enologi ed enotecnici durante l'imbottigliamento (mentre per la DOC i controlli sono effettuati ogni 3 anni).
Superata la prova vengono rilasciati al produttore speciali sigilli in filigrana, stampati dall'Istituto Poligrafico dello Stato e rilasciati dalla Camera di Commercio o dal Consorzio di Tutela agli imbottigliatori, in numero limitato secondo il quantitativo di ettolitri prodotto, da porre su ogni bottiglia.
Nel caso dei liquori i sigilli sono apposti sul tappo, in modo tale che non si possa aprire senza danneggiarsi e quindi da rompere solo al momento della stappatura.
Nel caso dei vini, invece, il sigillo è posto sul collo della bottiglia.

Procedure per il Riconoscimento della D.O.C. e D.O.C.G.

Le normative comunitaria e nazionale prevedono che per usufruire della Denominazione di Origine Controllata del vino prodotto le aziende debbono inoltrare apposita richiesta alla Regione di appartenenza per gli accertamenti chimico-fisici ed organolettici di cui al Regolamento CEE n.823/87; alla richiesta è necessario allegare una relazione tecnica che illustri i fattori naturali (zona di produzione, natura dei terreni, esposizione e vitigno) ed i fattori umani (sistemi di allevamento, potatura, vinificazione ed invecchiamento) che caratterizzano quel vino.
Gli esami analitici ed organolettici devono essere effettuati per tutte le partite di vino atte a divenire DOC e DOCG.
Ne consegue che il superamento degli esami chimico-fisici ed organolettici è il presupposto indispensabile ed obbligatorio per qualificare con la Denominazione di Origine Controllata o con la Denominazione di Origine Controllata e Garantita ogni partita di vino che l'azienda volesse commercializzare con tali attestazioni.

I Vini I.G.T.

Indicazione Geografica Tipica rappresenta una zona di produzione molto ampia: essa qualifica, infatti, i vini da tavola provenienti da grandi regioni vitivinicole.
Al nome designato si può aggiungere il colore dei vini ed il nome dei vitigni.
L'IGT non può utilizzare il nome di regioni o zone utilizzate per le DOCG o le DOC
Il vitigno può essere menzionato unicamente quando la zona vitivinicola è di dimensioni significative.
Per esempio IGT Lazio garantisce che il vino prodotto deriva da uve coltivate per l'85% nella regione Lazio; inoltre l'eventuale indicazione in etichetta del vitigno (es. Malvasia) garantisce che quel vino è stato ottenuto almeno per l'85% dal suddetto vitigno.
L'utilizzo della qualifica I.G.T è, quindi, relativo ad un vino tipico riconosciuto come tale dall'U.E.

… in vetrina

Emilia Romagna
Doc riconosciuta nel 1973. Il trebbiano è un bianco dall'ottimo rapporto qualità prezzo. Il vitigno è vigoroso, germoglia tardi, il che lo ripara dalle gelate primaverili. La zona di produzione comprende interamente o in ...
Sardegna
Il vitigno bianco Moscato ha origini antichissime. È diffuso in tutte le regioni viticole sarde e si caratterizza per il suo aroma primario, detto appunto di moscato. Il moscato era molto noto ai tempi dei romani che lo chiamavano ...

Marche
Riconosciuto con D.P.R. 11.9.1995 La proposta di abbinamento tiene conto della struttura, dello stato evolutivo del vino e della sua tipologia. Può essere ritenuto un vino a tutto pasto, nel senso che essendo sia bianco che rosso, oltre ...
Emilia Romagna
Nella Doc Colli Bolognesi, ottenuta nel 1993, rientrano i territori collinari di 14 comuni della Provincia di Bologna e parte di Savignano sul Panaro, in provincia di Modena. La Doc individua al suo interno diverse sottozone: Colline di Riosto, ...

Sardegna
La denominazione di origine controllata Arborea, accompagnata da una delle specificazioni di vitigno, è riservata ai vini Bianchi - Rossi - Rosati che rispondono alle condizioni ed ai requisiti stabiliti dal disciplinare di produzione. I ...
Marche
Riconosciuto con D.D. 23.5.2001. Vino dalla struttura notevole, l'Offida Rosso si presta ad abbinamenti con piatti della gastronomia regionale, dai vincisgrassi con rigaglie di pollo al piccione ripieno, dalla selvaggina alle carni rosse in ...

Sardegna
DOC dal 1981, concorrono alla sua produzione uve provenienti da diversi vitigni: Bovale sardo, per un minimo del 35%, Cannonau, dal 20 al 35%, e Monica, dal 20 al 35%. Possono concorrere anche le uve di altri vitigni raccomandato dalle rispettive ...
Trentino Alto Adige
Il vitigno Marzemino è senz'altro una delle varietà più interessanti della vitivinicoltura trentina. Si trovano tracce della sua provenienza asiatica in antichi registri commerciali ritrovati a Cipro. In Trentino giunse ...

Campania
La Penisola Sorrentina - un ambiente di grande bellezza, meta privilegiata del turismo internazionale, richiamato dalla mitezza del clima, dallo splendore delle coste tormentate a picco sul mare - produce, in aree molto limitate, tre vini di ...
Campania
L'area di produzione del Galluccio comprende 5 comuni, dominati dal vulcano spento di Roccamonfina, che con la sua attività eruttiva ha reso i terreni, per struttura e composizione, estremamente vocati alla coltivazione della vite. I ...

Marche
Riconosciuto con D.M. 11 luglio 2005. Il gusto pieno ed armonico suscita sensazioni fresche ed aromatiche. L'abbinamento ottimale avviene con i tipici taglieri di salumi e formaggi non troppo stagionati con erbe di campo ripassate in padella, ...
Sardegna
Bianco di colore variabile dal paglierino al dorato brillante, profumo delicato, gusto gradevole con punta amarognola, si presenta nei tipi Dolce naturale e Secco, con una gradazione di 14,5°. Il tipo Liquoroso dolce naturale e il Liquoroso ...

Vini italiani

Selezionare una categoria per ottenere una lista limitata a Vini corrispondenti.