menu
Italian versionEnglish version

Ales - Castello di Barumele

  1. cosa vedere
  2. Sardegna
  3. Ales
Comuni italiani

Cosa vedere a Ales

» Sardegna





Castello di Barumele

Ales OR


(Secoli VI - XIII) La posizione del castello di Barumele va inquadrata nell'ambito della sua storia e di quella della Sardegna, a partire dal tempo di Giustiniano e comunque dal periodo bizantino, come rivelano i ruderi del medesimo.
Si tratta di un castello particolare, dalla singolare planimetria, formata da parti costruite in tempi differenti, come la cinta muraria subcircolare di età bizantina, la torre decagonale (come ha rilevato in tempi recenti l'arch. Maura Falchi) di età giudicale, i bastioni di fortificazione aragonesi.
La storia del castello, va ricostruita infatti, oltre che con le poche notizie tramandateci in scarni documenti, soprattutto grazie ai resti architettonici, più loquaci della carta.
Se pur brevemente si sono confrontati con Barumele, storici come il Fara, l'Angius, Lamarmora, Nieddu, Carta-Raspi, Fois, Casula e documenti come il "Condaghe di Bonarcado", atti di pace, testamenti, donazioni.
Il castello prende il nome da Villa Barumela, attestata nel testamento di Ugone II (1335) ove è citata la chiesa e nell'atto di pace del 1388 tra Eleonora D'Arborea e Giovanni d'Aragona e fu certamente abitato fino al 1511 circa.
La villa sorgeva a sud del castello nel piano sottostante alla collina, ove sono stati rinvenuti resti di ceramica bizantina del VI secolo d.C. e probabilmente vantava più di una chiesa.
Il colle ove sorge il castello vide la presenza dell'uomo fin dal VI millennio a.C., come attesta una vicina stazione per la raccolta di ossidiana.
La fortezza di Barumele nasce sotto Giustiniano o al più tardi nel VI secolo d.C. allo scopo di difendere il confine tra barbaricini e bizantini, in un'epoca in cui questa linea giunse fino a Usellus e Ales divenne paese di frontiera.
Il castello dunque a 325 m. slm, cinto da robusta cortina muraria a duplice parametro in blocchi squadrati di arenaria, con una porta monumentale in conci di calcare a Sud/Ovest della muraglia, controllava la strada per Laconi.
L'area interna della fortezza è di 1190 mq.
Agli albori del IX secolo, venne ereditato dai Re d'Arborea, insieme agli stessi problemi dei bizantini, in quanto Usellus veniva costantemente presa d'assalto dai barbaricini, fino alla completa distruzione e lo rinforzarono con il bastione semicircolare che gli elementi costruttivi fanno risalire al periodo romanico.
Esso è costruito con un certo gusto decorativo che ricerca l'alternanza cromatica dei blocchi di arenaria, ora verdi, ora dorati, ora avorio.
Ciò accade intorno al 1182, data in cui i documenti citano per la prima volta un Vescovo di Alae (Comita Pais) in un diploma di Barisone I, Re/Giudice d'Arborea.
In epoca più avanzata (XIII secolo) lo adeguarono a nuovi scopi, ovvero come seconda linea di difesa dalle incursioni aragonesi del decaduto Giudicato di Cagliari.
Il bastione poligonale matrice gotica, va invece datato alla fine del XIII secolo tempo di Mariano II d'Arborea.
Misura alla base 7.40 mt, con un'altezza residua di 8,30 mt, spessore murario 2,40 mt.
Con l'avvento dei catalano-aragonesi nel 1410 anche il castello di Barumele passò ai Carròs, di origine visigotica, i quali si imparentarono con gli Arborea, retrocessi a Marchesi.
Dalla nuova famiglia nacque Violante Carròs nel 1456, personaggio controverso che ereditò l'intera contea di Quirra (marchesato solo dal 1604), sepolta in San Francesco a Stampace (Cagliari), legata al castello e ad Ales perché ne finanziò la Cattedrale, ma soprattutto perché ordinò l'esecuzione del parroco di Bonorcili, Giovanni Castangia, impiccato alla finestra del castello o di altra di lei residenza in Ales.
Per questo delitto subì il carcere e fu perdonata nel 1510 da Ferdinando II.
Con la sua morte avvenuta qualche anno dopo inizia la decadenza del castello.
La planimetria è interamente ricostruibile.
Nel crollo, resti della copertura la danno a falda inclinata verso l'interno per la raccolta dell'acqua piovana nella cisterna ancora visibile.
L'unica opera attribuibile agli aragonesi è la bastionatura che cinge la cortina muraria.


Mappa Castello di Barumele - Ales

Mappa / Come arrivare:

GPS/Coordinate geografiche di Castello di Barumele
39°45'22.39" N
08°48'44.87" E

Aggiorna descrizione Castello di BarumeleAggiorna descrizione Castello di Barumele

Conosci Castello di Barumele o hai avuto occasione di visitare il luogo come turista?
Contribuisci anche tu a questo progetto pubblicando dati aggiornati, descrizione o immagini.


alcune idee per soggiornare a Ales

alcune strutture ricettive e turistiche ... in evidenza
Ads
Bed and Breakfast, affittacamere e locande
Bed and Breakfast, affittacamere e locande

Residence Turistici
Residence Turistici

Case vacanza
Case vacanza


info Sardegna
Booking.com

Ales city guide

Pro Loco, APT, IAT - Uffici Informazione e Accoglienza Turistica

Pro Loco Ales

Associazione per la promozione del territorio, delle tradizioni e del turismo locale
Via Cattedrale, 14
Mobile tel. 349 6130634

Giro turistico nei dintorni

Visitare Ales … cosa fare … cosa vedere … eventi

Cerca cosa vedere nei Comuni vicino Ales


› Castello di Barumele › cosa vedere Ales › punti di interesse › attrazioni vicino a me Sardegna › cosa vedere Ales › cose da fare › monumenti più importanti da visitare a Ales › attrazioni turistiche › visitare Castello di Barumele › punti di interesse › attrazioni vicino a me Sardegna › cosa vedere Ales › cose da fare › monumenti più importanti da visitare a Ales › attrazioni turistiche › visitare Castello di Barumele

Menu Ales


Consulta il menu principale del Comune di Ales, troverai altre informazioni, argomenti e strutture turistiche