menu
Italian versionEnglish version

Biella, guida turistica

Piemonte, informazioni utili
  1. Piemonte
  2. Comuni Provincia di Biella
  3. Biella
Comuni italiani

Piemonte - ITALIA

» Guida ai Comuni italiani





Biella

Uffici comunali / Municipio:
› Sindaco di Biella e amministrazione comunale
› Ufficio anagrafe - Ufficio Tecnico - Catasto IMU TASI
› Giunta comunale - Dati elezioni amministrative

Indirizzo municipio
via Battistero, 4

Numeri utili
+39 015 35071
+39 015 3507508

Email PEC: protocollo.comunebiella@pec.it
Sito istituzionale - http://www.comune.biella.it

Comune di Biella: info IMU - TASI - TARI 2019
Centri per l'impiego Provincia di Biella: Offerte di Lavoro
Nome in lingua locale:

Bièla


Informazioni utili e guida turistica:

Numero Abitanti : 44.616 (01-01-2017 - Istat )
Altitudine s.l.m. : 420 mt.
Superfice Kmq. : 46,70
Denominazione abitanti : biellesi
Codice Fiscale : 00221900020
C.A.P. : 13900
Codice Istat : 096004
Codice Catastale : A859


Comune di Biella (Piemonte - Italia)

Biella è un comune parzialmente montano di 44.616 abitanti, situato a 420 metri s.l.m. nella nell'omonima provincia, il suo territorio si estende su una superfice di 46,70 kmq.

Biella è situata ai piedi delle Alpi Biellesi, allo sbocco di tre torrenti: l'Oropa, il Cervo e l'Elvo.
La prima notizia certa sulla antica “Bugella” risale a un documento dell'826.
Il nucleo del Piazzo, la parte alta della città, risale al 1160, quando il Vescovo Uguccione, per rendere effettiva la signoria temporale della Chiesa incominciò a fortificare la collina.

Nel cuore della Biella medioevale (itinerario pedonale)
Il borgo medioevale di Biella Piazzo sorse nel 1160 per volontà del vescovo di Vercelli Uguccione, all'epoca in cui i vescovi di Vercelli esercitavano la propria signoria su Biella.
Collocato sulla sommità della collina ad ovest della città, un tempo era circondato da mura e collegato al Piano da ripide strade acciottolate dette coste, ancora oggi utilizzate, lungo le quali si trovano le antiche porte d'accesso; strade acciottolate, portici bassi, palazzi nobiliari, fregi in terracotta e punti panoramici caratterizzano questo luogo al quale si accede con la suggestiva funicolare che sale dalla "città bassa".
I tre importanti privilegi concessi da Uguccione - amministrare la giustizia, macellare la carne e tenere il mercato settimanale - resero il Piazzo un borgo fiorente dal punto di vista economico e posero le basi per la nascita del comune, che ebbe la sua sede sulla piazza Cisterna fino alla seconda metà dell'Ottocento.
Vero e proprio cuore del borgo, la piazza si presenta circondata da edifici a due o tre piani che poggiano su portici medioevali; su un lato domina Palazzo Dal Pozzo della Cisterna con la sua facciata cinquecentesca addossata ad un corpo più antico sul quale si notano numerose decorazioni in cotto; il piano nobile custodisce interessanti affreschi della seconda metà del XVI secolo raffiguranti episodi tratti dalla storia romana, a celebrare le virtù della famiglia.
Di proprietà comunale, il palazzo è oggi sede di attività culturali.
Pregiate decorazioni in cotto si trovano anche sugli archi di Casa Teccio, l'edificio più antico di piazza Cisterna.
La piazzetta di San Giacomo che si apre accanto all'antico edificio comunale accoglie la facciata ed il campanile della chiesa parrocchiale dedicata a San Giacomo consacrata nel 1227; fra le numerose opere conservate all'interno si segnala il trittico di Daniele De Bosis del 1497 e "la Madonna e Santi" attribuita al Maestro dell'Incoronazione (1526 ca.).
Chiude la piazzetta la facciata di Palazzo Gromo di Ternengo percorsa da cornici marcapiano in terracotta decorate.
Lungo corso del Piazzo si trova Palazzo La Marmora con una facciata di tardo Settecento lunga circa 80 metri; il primo cortile porta alle sale nobili del piano terreno riccamente decorate.
La bellissima Sala dei castelli (inizio XVII secolo) raffigura tutti i possedimenti della famiglia ed il fregio sottostante si compone di una lunga serie di stemmi che ricordano le unioni matrimoniali.
Se da un lato il palazzo celebra la famiglia Ferrero, divisasi nel corso del Cinquecento nei due rami dei Ferrero Fieschi principi di Masserano e dei marchesi della Marmora, numerosi sono i riferimenti al periodo risorgimentale del quale furono protagonisti in particolare i La Marmora; oltre ai diversi ritratti si segnala il dipinto di Pietro Ayres (1828) che raffigura i quattro generali – Alfonso, Alessandro, Alberto e Carlo Emanuele – con la madre e gli altri fratelli e sorelle.
L'accesso al giardino avviene attraverso la serra nella quale ha dimora un centenario esemplare di ficus repens; Sebastiano Ferrero, esponente di grande rilievo della famiglia fra fine Quattrocento e primo Cinquecento, fece costruire l'alta torre ottagonale che domina il giardino panoramico sulla città, affacciato sul complesso rinascimentale di San Sebastiano, voluto anch'esso dall'illustre antenato; ben visibili sono la facciata della chiesa, che custodisce le tombe dei La Marmora, ed il chiostro dove ha sede il Museo del Territorio Biellese.
Proseguendo lungo corso del Piazzo si trova Palazzo Ferrero, oggi di proprietà comunale e in passato residenza dalla famiglia dei Ferrero Fieschi principi di Masserano; dal giardino si gode una bellissima vista su Biella e si può percepire la maestosità della dimora dei Ferrero prima della divisione dei due palazzi avvenuta successivamente alla divisione nei due rami citati.
Accanto sorgeva un tempo il castello del vescovo, distrutto nel 1377 durante la "ribellione dei Biellesi" che avviò il processo di avvicinamento ai Savoia: risale infatti al 1379 la dedizione di Biella.
Sulle rovine di quel castello nel 1432 fu costruito il convento di San Domenico dove erano custodite le tombe delle famiglie più importanti della città; le soppressioni napoleoniche portarono all'abbandono e alla demolizione del convento, sostituito da un impianto industriale oggi adibito a residenza.
Una breve passeggiata lungo "le coste" permette di scoprire le antiche porte e di raggiungere in pochi minuti il complesso di San Sebastiano e il suggestivo quartiere del Vernato.

Nel 1379, la città di Biella passa sotto il dominio dei Savoia, di cui seguirà le sorti.
Il nuovo nucleo urbano si distingue subito per il fiorire di attività industriali, significative già in epoca seicentesca, per proseguire nel Settecento e nell'Ottocento con una vera e propria rivoluzione industriale che l'ha portata ad essere una delle capitali nella lavorazione della lana.

La funicolare di Biella è un impianto di funicolare costruito nel 1885 per collegare il quartiere di Biella Piazzo a Biella Piano.
Nel settembre 2016, la giunta regionale ha approvato il progetto di restauro, che diede inizio ai lavori di sostituzione delle vetture e del meccanismo di trazione con uno ad ascensore inclinato, mantenendo invariata l'infrastruttura.
L'impianto, fino alla conversione in ascensore automatico conclusa nell'anno 2018, è stato gestito dall'azienda di trasporto pubblico ATAP (Azienda Trasporti Automobilistici Pubblici delle Province di Biella e Vercelli).
La stazione "di valle" è situata in piazza Curiel, quella "di monte" in via Avogadro ed il tragitto dura pochi minuti.

Cosa vedere a Biella, monumenti - edifici religiosi:

  • il borgo medioevale del Piazzo
  • Monastero di San Girolamo
  • la Chiesa della SS. Trinità
  • il Battistero
  • il Campanile di Santo Stefano
  • la Porta della Torrazza
  • la Casa su travi in legno (XV secolo)
  • la Chiesa di San Giacomo
  • la Casa della Sindone
  • la chiesa e il Chiostro di San Sebastiano
  • il Santuario di Oropa
  • Sacro Monte di Oropa
  • Teatro Social Villani

Personaggi illustri del territorio:
- Quintino Sella (Mosso, 7 luglio 1827 - Biella, 14 marzo 1884) ministro delle finanze sotto il regno di Vittorio Emanuele II;
- Vittorio Sella (Biella 1859-1943), alpinista e fotografo;
- Rinaldo Rigola, primo segretatio della Confederazione Generale del Lavoro;
- Francesco Cusano (Ariano Irpino, 1925 - Biella, 2 settembre 1976), vicequestore di polizia, medaglia d'oro al valor civile
- Guido Machetto, alpinista conosciuto per le sue spedizioni al Tirich Mir
- Nino Cerruti, stilista e proprietario del Lanificio fratelli Cerruti.

Gemellata con:
Arequipa (Perù), Kiryu (Giappone), Tourcoing (Francia), Weihai (Cina)



Aggiorna descrizione BiellaAggiorna descrizione Biella

Vuoi contribuire al completamento di questa pagina dedicata alla città di Biella?
Inviaci una tua descrizione della località, dei suoi monumenti, delle sue chiese, i tuoi commenti di viaggio o le tue fotografie.


Soggiornare a Biella

strutture ricettive e turistiche … in evidenza

Ads



Case per ferie - Ospitalità religiosa
Case per ferie - Ospitalità religiosa

Turismo itinerante: Camper service - Aree sosta camper
Turismo itinerante: Camper service - Aree sosta camper

Visitare Biella

cosa fare, cosa vedere, eventi, … in evidenza

Ads



› guida turistica Biella › Come arrivare › prenota ora il tuo soggiorno in Piemonte › visite guidate, itinerari arte e cultura › chiese › maneggio, andare a cavallo Biella › affitto appartamenti vacanze, dove alloggiare › itinerari trekking › ufficio tecnico TASI 2019 Biella › aliquota IMU 2019 ufficio tributi › monumenti e siti storici › dove mangiare ristorante › area camper Biella › punti di interesse Piemonte › eventi, rievocazioni storiche, feste tradizionali e sagre

info Piemonte
Booking.com

Agenzia Turistica Locale del Biellese

Ufficio informazione - accoglienza turistica
Piazza Vittorio Veneto, 3
Tel. 015 351128
Fax 015 34612

frazioni e località del Comune di Biella

Barazzetto
Chiavazza
Colma
Cossila
Favaro
Oropa
Pavignano
Vaglio
Vandorno


altre località

Barazzetto, Chiavazza, Colma, Cossila San Giovanni, Cossila San Grato, Favaro, Oropa, Pavignano, Vaglio, Vandorno

Come arrivare / Mappa:

Giro turistico nei dintorni

Cosa fare / Cosa vedere vicino Biella
Info comuni limitrofi

Comuni vicino Biella

(Le distanze sono da intendersi “in linea d'aria”.)
Tollegno

1,9 km

Pralungo

2,5 km

Occhieppo Inferiore

3,4 km

Quaregna

3,7 km

Vallanzengo

3,7 km

Gaglianico

3,8 km

Ronco Biellese

3,9 km

Ternengo

4,0 km

Valdengo

4,0 km

Zumaglia

4,2 km

Menu Biella