menu
Italian versionEnglish version

Adria RO - guida turistica

Veneto, informazioni utili
  1. Veneto
  2. Comuni Provincia di Rovigo
  3. Adria
Comuni italiani

Veneto - ITALIA

» Provincia di Rovigo
» Guida ai Comuni italiani





Adria

Uffici comunali / Municipio:
› Sindaco di Adria e amministrazione comunale
› Ufficio anagrafe - Ufficio Tecnico - Catasto IMU TASI
› Giunta comunale - Dati elezioni amministrative

Indirizzo municipio
Corso Vittorio Emanuele II, 49

Numeri utili
+39 0426 9411
+39 0426 900380

Email PEC: protocollo.comune.adria.ro@pecveneto.it
Sito istituzionale - http://www.comune.adria.ro.it

Comune di Adria: info IMU - TASI - TARI 2019
Centri per l'impiego Provincia di Rovigo: Offerte di Lavoro

Informazioni utili e guida turistica:

Numero Abitanti : 19.604 (01-01-2017 - Istat )
Altitudine s.l.m. : 4 mt.
Superfice Kmq. : 113,50
Denominazione abitanti : adriesi
Partita IVA : 00211100292
C.A.P. : 45011
Codice Istat : 029001
Codice Catastale : A059


Comune di Adria (Veneto - Italia)

Adria è un comune di 19.604 abitanti, situato a 4 metri s.l.m. nella Provincia di Rovigo, il suo territorio si estende su una superfice di 113,50 kmq.

Adria è il secondo comune più popolato della provincia.
Come si può notare dal grafico, la città contava sino al 1951 oltre 34000 abitanti, poi, dopo l'alluvione nel novembre di quell'anno, parte della popolazione si spostò verso le zone più interne del Polesine non colpite dall'alluvione, oppure emigrò prevalentemente nei distretti industriali della Lombardia e del Piemonte.
Numerosi furono anche gli adriesi che scelsero Paesi stranieri, come il Canada e l'Australia.
È però da evidenziare che l'aumento del numero anagrafico dei residenti, molto evidente nella prima metà del Novecento, dev'essere letto alla luce delle soppressioni e degli accorpamenti amministrativi degli anni '20 (ex Comuni di Bottrighe e Ca' Emo, mentre Bellombra fu Comune autonomo solo per circa due anni).

Secondo alcuni storici, si tratta della città che diede il nome al Mare Adriatico come ultima città siracusana.

Le prime tracce di un insediamento nella zona dell'attuale città di Adria, risalgono al periodo tra il X ed il VI secolo a.C., quando i Veneti costruirono palafitte sul terreno paludoso che, all'epoca, si affacciava sul mare.

L'insediamento (emporio) fu fondato dai Siracusani come Hatria o Atria durante le politiche espansioniste.
La serie di lagune presenti anticamente lungo tutta la costa settentrionale, dalle foci del Po fino a Grado, rendeva sicura la navigazione delle navi.

Per la sua posizione strategica, Adria venne rifondata nel 385 a.C. come colonia della potente Siracusa, nel quadro dell'espansione commerciale in Adriatico promossa dal tiranno siracusano Dionisio il Vecchio.
Le nuove colonie sorsero ad opera degli avversari politici del tiranno, che vi stabilirono il regime democratico che era stato cancellato nella madrepatria.
Insieme ad Adria vennero fondate Ancona, Issa ed altre.
Divenne poi preda dei Galli, alleati e parte dell'esercito della città di Siracusa.

Il progressivo interramento del delta del Po dalla Rotta di Sermide (VIII secolo a.C.), che modificò il corso del Po che allora arrivava fino all'attuale Ficarolo e poi piegava verso sud, allontanò la città dal mare rendendo sempre più problematica la prosecuzione dell'attività portuale.

Al passaggio delle invasioni barbariche, il porto di Adria aveva già perso la gran parte della sua importanza, ma assunse il nuovo ruolo di importante bastione militare, all'interno dei territori amministrati dalla Chiesa di Roma.
Il definitivo declino del porto di Adria avvenne in seguito alla rotta della Cucca del 589, che sconvolse l'intera idrografia del territorio circostante.
Tra il VII e l'VIII secolo Adria divenne un feudo vescovile indipendente da quello di Ravenna.
Dopo una parentesi in forma di comune, divenne un possedimento estense e tale rimase anche di fronte all'espansione della Repubblica di Venezia.
Solo nel XVI secolo Venezia ne assunse il controllo, quando ormai era poco più di un villaggio in mezzo a una palude malarica.

Quando nel Seicento iniziò l'opera di bonifica della valle polesana, Adria cominciò ad assumere nuovamente importanza.
L'invasione di Napoleone Bonaparte del 1796 portò tra l'altro Adria a far parte del Distretto di Padova.
Con il trattato di Campoformio del 1797 fece parte dell'Impero austriaco in seguito agli accordi di pace stipulati con Napoleone con lo scioglimento della prima coalizione antifrancese.
Con un decreto del 27 febbraio 1798 gli austriaci restituirono i diritti in precedenza avuti dalla Serenissima e istituirono la Provincia di Adria.
Dopo la vittoria di Marengo del 14 giugno 1800 i francesi tornarono.
Dal 1802 al 1813 entrò a far parte della Repubblica Italiana, trasformata nel 1805 in Regno d'Italia, amministrativamente incorporata nel Dipartimento dell'Adriatico con capoluogo Venezia.
L'invasione napoleonica non venne accolta positivamente; maggior favore incontrarono gli Asburgo quando conquistarono il Veneto.
Sconfitto Napoleone, in conseguenza della restaurazione operata dal Congresso di Vienna, Adria dal 1815 fu inclusa nel regno Lombardo Veneto, sotto la Prefettura di Rovigo.
Gli austriaci, pur non essendo sempre benvoluti dagli adriesi, migliorarono notevolmente le infrastrutture e la qualità della città, ma spesso sostituirono nelle posizioni gestionali di importanza gli italiani con amministratori austriaci.


Il testo in italiano è tratto da:
- Wikipedia, l'enciclopedia libera



Aggiorna descrizione AdriaAggiorna descrizione Adria

Vuoi contribuire al completamento di questa pagina dedicata alla città di Adria?
Inviaci una tua descrizione della località, dei suoi monumenti, delle sue chiese, i tuoi commenti di viaggio o le tue fotografie.


Visitare Adria

cosa fare, cosa vedere, eventi, … in evidenza

Ads


Eventi, feste tradizionali e sagre enogastronomiche
Eventi, feste tradizionali e sagre enogastronomiche

› guida turistica Adria › Come arrivare › prenota ora il tuo soggiorno in Veneto › visite guidate, itinerari arte e cultura › chiese › maneggio, andare a cavallo Adria › affitto appartamenti vacanze, dove alloggiare › itinerari trekking › ufficio tecnico TASI 2019 Adria › aliquota IMU 2019 ufficio tributi › monumenti e siti storici › dove mangiare ristorante › area camper Adria › punti di interesse Veneto › eventi, rievocazioni storiche, feste tradizionali e sagre

info Veneto
Booking.com

frazioni e località del Comune di Adria

Bellombra
Bottrighe
Ca' Emo
Fasana Polesine
Mazzorno Sinistro


altre località

Baricetta, Cavanella Po, Valliera


Adria fa parte di:

Associazione Nazionale Città del Pane
Associazione Borghi Autentici d'Italia

Come arrivare / Mappa:

Giro turistico nei dintorni

Cosa fare / Cosa vedere vicino Adria
Info comuni limitrofi

Comuni vicino Adria

(Le distanze sono da intendersi “in linea d'aria”.)
Zocca

6,0 km

Corbola

6,1 km

Cavarzere

9,0 km

Viola

10,3 km

Pettorazza Grimani

10,3 km

Berra

10,7 km

Villanova Marchesana

10,7 km

Loreo

10,8 km

Gavello

11,8 km

Papozze

11,9 km

Menu Adria