Zafferano - Tsanfarànu, zanfarànu, tafferànu, ... - Prodotto tradizionale sardo

Prodotti Agroalimentari Regionali: Sardegna
  1. PAT - Prodotto Agroalimentare Tradizionale Sardegna
  2. Condimenti
Condimenti

Zafferano

Condimenti

Sardegna





Zafferano

Tsanfarànu, zanfarànu, tafferànu, ...

Condimenti

PAT - Prodotto Agroalimentare Tradizionale sardo riconosciuto dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, su proposta della Regione Sardegna.



La preparazione della droga avviene attraverso il disseccamento veloce degli stimmi che, insapori allo stato fresco, presentano un aroma caratteristico e tingono di giallo la saliva.

In particolare la preparazione avviene attraverso le seguenti fasi:

  • Raccolta dei fiori.
    I fiori sono staccati all'emergenza o in preantesi nelle prime ore del giorno, con un taglio praticato con l'unghia del pollice sull'indice, vengono poi posti in spote o ceste e portati all'abitazione dove avviene subito (entro la stessa giornata) la seconda fase (mondatura).
    La raccolta dei fiori dura intorno ai 15 giorni in un arco di tempo compreso fra la seconda metà di ottobre e la prima decade di novembre.
    Negli impianti meno estesi, dove la superficie impiantata non supera i 1000 mq, la raccolta viene effettuata da tutta la famiglia, con l'aiuto di una o due persone durante i giorni di massima fioritura (su groffu).
  • Separazione degli stimmi o mondatura.
    Si separano gli stimmi dalle restanti parti del fiore, ossia dal perigonio e dagli stami.
    La tecnica tradizionale utilizzata a San Gavino Monreale per eseguire questa operazione consiste nell'aprire il fiore con entrambe le mani e nel recidere lo stilo poco più in alto dell'attaccatura dei tre stigmi facendo attenzione a non dividerli.
    Per rendere il prodotto più puro possibile è necessario eliminare completamente la parte biancastra dello stilo che tiene uniti i tre stimmi.
    Oggi molte giovani recidono il fiore, senza aprirne i petali, nel tubo perigoniale, con l'unghia oppure con un paio di forbici, tenendo gli stimmi con l'altra mano per evitare che cadano nel tavolo sopra i fiori già puliti.
    Gli stimmi sono poco manipolati per evitare che la droga subisca un deprezzamento già in questa fase di preparazione.
    Per eseguire questa operazione occorre a parità di fiori il doppio del tempo e il triplo delle persone necessarie per la raccolta.
    Un'esperta pulitrice può pulire una media di 5-6 grammi di prodotto essiccato (600-700) all'ora.
  • Essiccazione.
    Gli stimmi vengono sistemati distanziati su un piatto, su una tavoletta o su altri ripiani di materiale più disparato e sottoposti all'essiccamento.
    Questi supporti avvicinati o sovrapposti a sorgenti di calore blando (sole, camino o altra fonte di calore non turbolenta) in modo che il disseccamento avvenga costantemente e progressivamente in poco tempo fino a quando gli stimmi si spezzano facilmente con frattura netta.

In Sardegna gli operatori dopo la separazione degli stimmi e prima dell'essiccazione manipolano la droga con le dita umettate con l'olio extravergine di oliva (feidatura).
La finalità della manipolazione della droga con l'olio è quella di migliorare l'aspetto e la conservabilità.
Le quantità d'olio impiegate sono di circa un cucchiaino per 100 grammi di prodotto fresco.
L'essiccazione deve avvenire a temperature comprese fra i 35-45°C e determina una perdita di peso di circa 1/5.

La droga va conservata compressa in contenitori di varia qualità, in ogni caso assolutamente ermetici, affinchè all'interno residui la minima quantità di aria possibile.
Gli stimmi essiccati sono sensibilissimi all'umidità e anche alla luce, perciò i contenitori oltre che ermetici devono essere opachi (vetro o latta).




Condimenti

Alcuni risultati in questa Categoria:

Zafferano
info Sardegna
Booking.com

Prodotti tradizionali sardi

Selezionare una categoria per ottenere una lista limitata a Prodotti Tradizionali corrispondenti.

Bevande analcoliche, distillati e liquori
Carni, frattaglie fresche, e loro preparazioni
Condimenti
Formaggi
Grassi (burro, margarina, oli)
Paste fresche e prodotti di panetteria, pasticceria, biscotteria e confetteria
Preparazioni di pesci, molluschi, crostacei e tecniche particolari di allevamento degli stessi
Prodotti di origine animale (miele, prodotti lattiero caseari di vario tipo escluso il burro)
Prodotti vegetali allo stato naturale o trasformati

Sardegna
argomenti simili

› Zafferano › Tsanfarànu, zanfarànu, tafferànu, ... Sardegna › PAT Prodotti Agroalimentari Tradizionali sardi › Condimenti › Sardegna - prodotti regionali › Prodotti agro-alimentari tipici › prodotti agroalimentari sardi

Aggiorna descrizione Zafferano

Conosci questo prodotto sardo? Contribuisci anche tu a questo progetto! Pubblicare una descrizione e le immagini di “Zafferano - Tsanfarànu, zanfarànu, tafferànu, ...”.