Marraconis filaus - Ricetta di cucina sarda

Tradizione regionale in cucina

Marraconis filaus

Tradizione regionale in cucina

Sardegna





Ricetta Marraconis filaus

Pasta, riso, gnocchi, polenta, fregola e cuscus

Ricetta di cucina, dalla tradizione culinaria delle regioni italiane.



Ingredienti:

  • Semola molto fine (di grano duro)
  • Farina (scetti laccu)
  • Acqua
  • Sale grosso a piacere

Preparazione:
In una spianatoia impastate la semola di grano duro con acqua tiepida, e fate sciogliere il sale grosso (senza rimestare).
Lavorate a lungo gli ingredienti fino ad ottenere un composto morbido e compatto.
Coprite la pasta con un telo e lasciatela riposare.
Quando è pronta, stendetela preparando delle strisce, e assottigliatela facendola rotolare sul tavolo con i palmi delle mani.
Continuate fino a realizzare dei fili di pasta (lunghi circa 70 cm.) simili agli spaghetti.
Successivamente avvolgete i fili di pasta intorno alle dita della mano fino ad ottenere delle matasse, e poi disponetele ad asciugare nei canestri.

Occasioni di consumo:
In passato questa pietanza, tipica di Siddi, veniva consumata per le feste e il giorno di tutti i santi.

Ricetta gentilmente fornita da:
Nicola Manca (Comune di Siddi)

Photo by: Nicola Manca


info Sardegna
Booking.com

Ricette di cucina sarda

Selezionare una categoria per ottenere una lista limitata a Ricette di cucina corrispondenti.

Antipasti
Carne e frattaglie
Contorni e verdure
Dolci
Liquori
Pane, torte salate, pizze e focacce
Pasta, riso, gnocchi, polenta, fregola e cuscus
Pesce, molluschi e crostacei
Rustici
Zuppe e minestre

Sardegna
argomenti simili

› Ricetta Marraconis filaus › Pasta, riso, gnocchi, polenta, fregola e cuscus › Sardegna › Ricetta di cucina sarda › Marraconis filaus › ricetta tradizionale di cucina italiana › cucina regionale › piatto tipico Sardegna › ricette specialità sarde

Aggiorna descrizione Marraconis filaus

Conosci questa ricetta di cucina sarda? Contribuisci anche tu a questo progetto! Pubblica le tue immagini di “Marraconis filaus”.