Guida al turismo nell’ Isola di Capri

Venerdì 19 Ottobre 2018
Guida Turistica Isola di Capri
info Italia
Scopri l'Italia
Comuni italiani

Isola di Capri

Guida all'area turistica




Isola di Capri è un'isola nel golfo di Napoli.
Situata di fronte alla costiera Sorrentina, è celebre per la sua bellezza sin dai tempi dell'antica Grecia.
L'isola è, a differenza delle vicine Ischia e Procida, di origine carsica.
Inizialmente era unita alla Penisola Sorrentina, ma successivamente è stata sommersa in parte dal mare e separata quindi dalla terraferma, dove oggi si trova lo stretto di Bocca Piccola.
Capri presenta una struttura morfologica complessa, con cime di media altezza (Monte Solaro 589 m e Monte Tiberio 334 m) e vasti altopiani interni, tra cui il principale è quello detto “di Anacapri”.

“Uno dei punti magnetici dell'universo”.
Così lo scrittore e pittore Alberto Savinio descrisse Capri, una delle isole più famose al mondo.
È un vero miracolo la combinazione di terra, cielo, mare e luce creata dalla natura in questo immenso scoglio che emerge dagli abissi.
Le grotte marine, i faraglioni dalle forme straordinarie, il verde della vegetazione sulle ripide pareti rocciose, gli incomparabili panorami, il mix di natura, arte, cultura, mondanità, ne fanno la più sognata e celebrata delle isole.
Capri ha incantato nei secoli scrittori, poeti, musicisti, pittori.
Tanti i registi che l'hanno scelta come sfondo per i loro film e i personaggi famosi che hanno affollato i tavolini della celebre piazzetta.
Uno dei primi estimatori dell'isola fu l'imperatore romano Tiberio, che qui trascorse gli ultimi anni della sua vita.
Ma la definitiva vocazione dell'isola fu scoperta alla metà dell'800, quando visitatori da tutto il mondo la scelsero come residenza, formando quella colonia cosmopolita che ha creato il mito di Capri e della Grotta Azzurra.
Il centro più importante dell'isola è Capri, raggiungibile dall'approdo di Marina Grande tramite bus, taxi o funicolare.
Fulcro dell'abitato, caratterizzato da abitazioni con terrazzi e pergolati, è la notissima piazzetta, soprannome della minuscola piazza Umberto I, un salottino all'aperto centro della vita turistica e mondana.
La domina la barocca chiesa di Santo Stefano, con le sue cupole di ispirazione araba e un prezioso pavimento romano proveniente da Villa Jovis.
A destra Palazzo Arcucci (sede della Fondazione Cerio), risalente al 1372.
Una delle più notevoli realizzazioni dell'architettura caprese è il complesso monumentale della Certosa di San Giacomo.
Affacciata sul panorama dei Faraglioni, fu costruita nel ‘300 e ampliata nel ‘600.
Nonostante i numerosi rifacimenti, le linee originarie si conservano soprattutto nella parte medievale caratterizzata dalle volte estradossate tipiche di Capri.
Non sono distanti i giardini di Augusto, dai quali si gode una magnifica vista sui Faraglioni e Marina Piccola.
Il parco, attraversato da viottoli e scalette, è un'oasi verde con un suggestivo belvedere.
Dai giardini si raggiunge Marina Piccola percorrendo via Krupp, un tortuoso viottolo che scende fino al mare.
Offre incantevoli squarci panoramici sui fondali e sui Faraglioni.
La passeggiata più famosa di Capri è quella che porta al belvedere di Tragara, ombrosa piazzetta con vista sui Faraglioni e Marina Piccola.
Sotto Tragara inizia la strada che scende ai Faraglioni, i tre famosissimi scogli.
Il primo, Stella, attaccato alla costa, è alto 109 metri, il Faraglione di mezzo 81 metri, il terzo, chiamato Scopolo, è alto 104 metri ed è abitato dalla rara lucertola azzurra.
Paesaggi mozzafiato immersi in una vegetazione lussureggiante si aprono anche lungo il percorso che da Capri porta all'Arco Naturale, scenografico arco di roccia a picco sul mare.
Con una scalinata si raggiunge la Grotta di Matermania, grandioso antro naturale forse già consacrato in età romana al culto di Cibele, la Magna Mater dei Latini. Incastonata nel paesaggio roccioso della punta Masullo è Villa Malaparte.
Edificata alla fine degli anni Trenta dall'architetto Adalberto Libera, la casa dello scrittore Curzio Malaparte è ancora straordinariamente moderna nel suo progetto eccentrico.
Sullo spigolo nordorientale dell'isola sorge immensa Villa Jovis, la più cospicua testimonianza romana sull'isola, fatta costruire dall'imperatore Tiberio.
Vi si arriva dall'abitato di Capri con una lunga passeggiata che tocca la piccola chiesa di San Michele, costeggia il panoramicissimo parco di Villa Astarita e conduce all'area archeologica.
Le grandiose rovine dominano un panorama meraviglioso verso la Penisola Sorrentina e si affacciano su uno strapiombo di 330 metri, il cosiddetto salto di Tiberio, da cui si racconta che l'imperatore facesse gettare le sue vittime.
La villa è un amplissimo palazzo su molti livelli, con le varie parti funzionali (vestibolo, zona termale, quartieri per la servitù, appartamenti privati dell'imperatore, locali di rappresentanza) raggruppate intorno a un nucleo centrale, occupato da quattro cisterne gigantesche.
Ad Anacapri sono le rovine di un'altra villa imperiale, Damecuta.
L'altro comune dell'isola è Anacapri, un centro più sobrio e raccolto di Capri, con stradine graziose, case bianche immerse nel verde, tranquilli eleganti alberghi.
Il monumento più significativo è la chiesa di San Michele, costruita nel ‘700 su disegno di Domenico Antonio Vaccaro: bellissimo il pavimento maiolicato.
Qui sorge la famosa Villa San Michele, costruita sui resti romani da Axel Munthe, il medico e scrittore svedese che visse per più di un cinquantennio sull'isola.
Lo scrittore vi ambientò il suo romanzo Storia di San Michele, contribuendo a diffondere nel mondo il mito di Capri.
La villa, elegante e originale, ospita arredi settecenteschi, opere d'arte e resti di epoca romana.
Il giardino che la circonda è di una bellezza rara.
Da Anacapri partono la seggiovia e il sentiero per la vetta del Monte Solaro (589 metri), il punto più alto dell'isola, da cui si gode un incantevole panorama.
Una vacanza a Capri non è veramente tale senza un'escursione alla Grotta Azzurra, il cui antro incantato richiama visitatori da ogni parte del mondo.
Vi si arriva in barca da Marina Grande o via terra da Anacapri: in entrambi i casi, nei pressi della grotta si trasborda su piccole barchette in grado di penetrare nell'accesso angusto della grotta.
Già conosciuta dai Romani e riscoperta nell'800, deve la sua affascinante atmosfera a un fenomeno geologico che ne ha provocato l'abbassamento di una ventina di metri, portando l'imbocco quasi sotto il livello del mare.
Filtrata dall'acqua, la luce crea un'eccezionale tonalità di colore: un azzurro intenso che riveste di riflessi argentei tutto ciò che si trova all'interno.
Non molto grande – 54 m di lunghezza, 14 di larghezza, 30 d'altezza – la grotta si prolunga verso l'interno con la Galleria dei Pilastri, ricca di stalattiti.
Dotata di calette incantevoli e di scogliere possenti, Capri offre bei stabilimenti balneari arroccati sugli scogli e alcuni accessi al mare da spiagge di sabbia.
Stabilimenti sulla costa rocciosa sono ai Faraglioni (raggiungibili a piedi da Tragara con una bella discesa nella pineta), e ad Anacapri alla Grotta Azzurra e al Faro.
Spiagge di sabbia sono invece a Marina Grande, a Marina Piccola e ai Bagni di Tiberio.
Il modo migliore per godersi il mare di Capri e l'impareggiabile scenario delle sue coste rocciose è un giro in barca.


Testo tratto da:
Le isole del Golfo di Napoli – Regione Campania




Comuni e località turistiche


Provincia di Napoli ( Campania )

ANACAPRI
CAPRI



Come arrivare e muoversi

Aeroporti - Voli

Aeroporto di Salerno - Costa d'Amalfi
Aeroporto Internazionale di Napoli - Capodichino
Eliporto di Damecuta a Anacapri


Scali portuali per traghetto passeggeri

Porto di Capri (Marina Grande)
Porto di Napoli
Porto di Salerno

Arte e Cultura

Ricettività turistica

Dove mangiare

Enogastronomia

Costume e tradizione

Salute & Benessere

Turismo alternativo

Capri
isola di Capri
ristoranti Anacapri
traghetto Capri
aliscafo per Capri
grotta azzurra
Sorrento Capri
faraglioni
Marina Grande
palazzo di Tiberio
B&B vacanze a Capri
Marina Piccola
Giardini di Augusto
arco naturale
Villa San Michele di Axel Munthe
Monte Solaro
Villa Imperiale di Damecuta
la Piazzetta
Quisisana
alberghi di Capri